Italian

SUL GIORNALISMO COSTRUTTIVO

Il Constructive Journalism Project ha lo scopo di innovare e potenziare il giornalismo attraverso lo sviluppo di metodi e parametri che portino i giornalisti ad inserire all’interno della normale attività aspetti più positivi-propositivi e maggiormente focalizzati sulle soluzioni. Il Constructive Journalism Project ha l’obiettivo di fornire ai giornalisti, alle organizzazioni di mass media ed agli studenti la conoscenza e capacità di lavorare attraverso il metodo del giornalismo costruttivo, rendendoli in grado di produrre articoli e servizi coinvolgenti e rigorosi, ma che diano una visione maggiormente completa del mondo.
I nostri servizi principali comprendono programmi di formazione, consulenza alle varie realtà del mondo dei media, ed il sostegno alla ricerca e formazione per quanto riguarda l’impatto che ha giornalismo.

COSA E’ IL GIORNALISMO COSTRUTTIVO?

La definizione che possiamo dare di giornalismo costruttivo è di un giornalismo rigoroso, coinvolgente, che include anche elementi focalizzati sugli aspetti positivi e sulla ricerca di soluzioni così da poter presentare al pubblico un quadro più completo e veritiero della situazione, sempre avendo come fondamenta le classiche funzioni e l’etica di base del giornalismo.

CARATTERISTICHE DEL GIORNALISMO COSTRUTTIVO

All’interno dei servizi include aspetti positivi e parti dedicate alle soluzioni
E’ consapevole del fatto che dare notizie significa avere un impatto sulla cultura e sul comportamento
Applica i parametri della psicologia positiva, in modo da coinvolgere e responsabilizzare il pubblico
Si concentra su un modello di mondo che sia focalizzato sul benessere e non sul disastro – per esempio vedendo le persone nei loro punti di forza e non solo come vittime
Affronta un problema con un approccio risolutivo, dove il media stesso diventa parte attiva nell’affrontare le questioni che riguardano il loro pubblico
Così come considera cosa è importante e rilevante, allo stesso modo prende in considerazione il contesto e le eventuali interpretazioni delle storie
E’ un giornalismo che si prende cura e si preoccupa del suo pubblico (rifacendosi alla teoria del reporter di guerra Martin Bell sul “journalism of attachment”, che mette sullo stesso piano la premura e la conoscenza).
E’ un giornalismo critico, ma con un approccio costruttivo e non negativo
E’ indipendente
Ha un alto valore sociale
Dà un ruolo più significativo al giornalista
Mostra come non solo chi ha potere può avere un impatto
Incoraggia conversazioni, riflessioni e collaborazione, e costruisce consenso
Mostra come il cambiamento sia possibile e sottolinea le varie possibilità e opportunità di offrire delle soluzioni


COSA NON E’?

Banalità/ “Buone notizie”
Giornalismo di parte
Non è filo-governativo

FAQ

Cosa significa avere un approccio costruttivo?
Avendo la consapevolezza che i media danno forma alla società, l’approccio costruttivo sceglie di affrontare i problemi e gli eventi attraverso una lente più positiva e concentrata sulla soluzione rispetto al più diffuso approccio negativo.  Il giornalismo costruttivo si basa su un modello positivo-propositivo del mondo e non disastroso, individuandone le possibilità, la crescita ed i punti di forza, e non solo concentrandosi su difficoltà e perdite.
Che definizione date al giornalismo costruttivo?
Definiamo il giornalismo costruttivo come rigoroso, minuzioso nel riportare i fatti, in grado di coinvolgere e dare potere al pubblico affinché reagisca in maniera propositiva agli argomenti riportati. Esso presenta una visione più completa della verità, mantenendo sempre funzioni e etica del giornalismo come fulcro.
Il giornalismo costruttivo è di qualità, affidabile e rilevante?
Si. E’ un giornalismo indipendente, con un alto valore sociale. Non tratta di “cose banali” e non è un giornalismo di parte. E’ critico, ma in modo costruttivo e non distruttivo o negativo. Spinge le autorità a rispondere del proprio operato in un ulteriore modo, ovvero incoraggiando la comunità al dialogo, alla collaborazione e alla costruzione di un opinione comune sulle varie tematiche, stimolando così chi detiene il potere a trovare soluzioni.  In questo modo mostra come non solo chi il potere ce l’ha, o può averlo, ha un impatto. Il giornalismo costruttivo rafforza l’impegno del  giornalismo dedito alla ricerca della verità, per aiutare a fornire un quadro più completo della realtà, e rafforza l’etica del giornalismo, cercando di minimizzare ove possibile gli aspetti che generano negatività attraverso un modo di comunicare che sia più consapevole di come l’informazione sia in grado di impattare sulla società e sugli individui.
Il Giornalismo costruttivo è la stessa cosa del giornalismo positivo o delle buone notizie?
No. Il giornalismo costruttivo è un approccio, un metodo che viene applicato al COME raccontiamo – qualsiasi sia la tematica – invece che al COSA.
E’ obiettivo o di parte?
Crediamo che ci sia attualmente una propensione alle negatività nel giornalismo. Il Giornalismo costruttivo cerca di fare un passo indietro rispetto all’assunto che il giornalismo deve essere negativo, per essere di qualità ed efficace. Con una base di ricerca empirica, il giornalismo costruttivo si propone di sviluppare un approccio equilibrato che è più favorevole alla creazione di una società fiorente.
Dovrebbe il giornalismo costruttivo rimpiazzare altre forme di giornalismo?
No. Il giornalismo costruttivo è un approccio applicabile a diversi tipi di report ed a temi diversi. Fa parte di un ecosistema più ampio di metodi all’interno del mondo del giornalismo. La modalità più appropriata di raccontare dipenderà dalla questione specifica che si va a trattare.
C’è una base scientifica rispetto ai valori che stanno alla base del giornalismo costruttivo?
Si. Il giornalismo costruttivo è supportato da un sempre più crescente corpo di ricerche. Stiamo creando una sezione del sito dove vi daremo maggiori dettagli sull’argomento e sulle ricerche correlate.
Posso leggere qualche esempio di storia scritta con il metodo del giornalismo costruttivo?
E’ in costruzione una sezione del sito dove troverete alcuni esempi di articoli e storie basate sul metodo del giornalismo costruttivo.

UNISCITI AL NOSTRO CORSO

Molti di noi entrano nel mondo del giornalismo con il desiderio di cambiare il mondo.  Poi, lavorando nei media tradizionali, spesso le aspettative vengono frustrate. La perdita, nell’editoria, della ricerca di soluzioni ai problemi della società, rende difficile, ai giornalisti, spezzare il ciclo delle notizie negative. E invece c’è spesso un altro lato della storia che noi scriviamo: esempi positivi di cambiamento, di capacità di ripresa e trasformazione, e di nuove eccitanti possibilità. Noi sappiamo che il pubblico ama tutto questo. Ma come possiamo davvero raccontare queste storie? E come possiamo usare il giornalismo come spinta per qualcosa di positivo?
Sempre di più i media di tutto il mondo stanno iniziando a realizzare che si possono raccontare storie in un modo diverso, ispirante, basato sui fatti e mantenendo gli standard del giornalismo di qualità. Qualcuno lo chiamo “giornalismo delle soluzioni”, qualcun altro “giornalismo positivo”, ma si tratta di qualcosa che va oltre l’individuare e il focalizzare ciò che funziona. Si tratta di presentare un ritratto più completo della realtà, all’interno del classico modo di raccontare, che sia maggiormente in grado di dare potere e coinvolgere il pubblico e portare beneficio alla società. Fondamentalmente si tratta di giornalismo costruttivo. Con questo corso si può avere un accurato approccio al giornalismo costruttivo (che sta crescendo e diventando popolare) ed imparare come usarlo nella propria carriera.
Cosa:  Un corso di una giornata sul giornalismo costruttivo in teoria e in pratica, con analisi di “cosa è” e “cosa non è” il giornalismo costruttivo, con esempi pratici editoriali sui quali lavorare
Costo: £250. Pranzo, te e caffè, dolci ed acqua sono inclusi nel prezzo del corso.
PRENOTA QUI!

RIGUARDO AL CORSO

Verrà fatta un’introduzione sul giornalismo costruttivo e si imparerà ad usarlo all’interno della propria carriera. Il giornalismo costruttivo comprende, all’interno dei parametri del giornalismo classico, le nuove forme di giornalismo positivo e giornalismo di soluzione, nuove modalità di narrazione e prospettive, e stile di dibattito.
In quanto giornalisti, si insegna a raccontare i fatti in modo da coinvolgere i propri lettori, ascoltatori o il pubblico televisivo. Lo si fa attraverso informazioni date in modo costruttivo, che restano in ogni caso accurate, critiche dove necessario, responsabili e salde sui principi del giornalismo professionale.
Durante il workshop, verrà mostrato come il giornalismo costruttivo coinvolge il suo pubblico. Ancora più importante, si aiuterà ad applicare le tecniche all’interno della propria carriera. Saranno presentati editori che cercano chi sappia narrare in maniera costruttiva e sentirete, da esperti giornalisti freelance, i migliori consigli su come poter vivere, guadagnando, col giornalismo costruttivo.
Se vuoi usare il giornalismo per fare davvero la differenza, in senso positivo, per il tuo pubblico ed il mondo, questo workshop è quello che ci vuole.

I DOCENTI DEL CORSO

DANIELLE BATIST – Cofondatrice del Constructive Journalism Project
Danielle è una giornalista che si occupa di cambiamenti sociali mettendo in evidenza le soluzioni. E’ stata testimone della nascita della nazione del Sudan del Sud ed ha intervistato il Dalai Lama. Come cofondatrice del Constructive Journalism Project, nei suoi servizi introduce elementi di carattere propositivo-positivo che puntino a dare concrete soluzioni. E’ anche la fondatrice di Journopreneur, una piattaforma dedicata ai giornalisti freelance per insegnare loro ad affrontare ed adattarsi ai cambiamenti del panorama mediatico.
SEÁN DAGAN WOOD – Cofondatore del Constructive Journalism Project
Seán Dagan Wood è un innovatore nel campo dei media, con una passione per la trasformazione personale e sociale. E’ direttore di Positive News  e cofondatore del Constructive Journalism Project: la sua idea è che i media debbano essere in grado di informare, ma allo stesso tempo di ispirare e mettere le persone in grado di fare qualcosa.

COSA OTTENGO?

Imparerai:
Cosa è e cosa non è il giornalismo costruttivo
Perché è importante
Come strutturare una storia in modo costruttivo e come il linguaggio utilizzato possa avere un impatto sul tuo articolo
Come identificare un punto di vista costruttivo e trasformare un pezzo “tradizionale” in uno costruttivo
Come scrivere una buona presentazione del tuo pezzo per vendere la tua idea agli editori, sia nei media tradizionali che nei new media
Come freelance esperti hanno formato la loro carriera sul giornalismo costruttivo
Come dare valore a te stesso in quanto professionista freelance e all’elemento costruttivo nel tuo lavoro.
Questo corso è per te se:
Sei un giornalista indipendente che vuole imparare  come usare le tue capacità all’interno della crescente area del giornalismo costruttivo. Laureati in giornalismo, giornalisti di redazione e tutti coloro che stanno valutando di approcciarsi al giornalismo indipendente sono i benvenuti.
Benefici:
Sia nel lungo che nel breve periodo: se sei pronto ad essere ispirato e lavorare sodo, potrai portare a casa idee concrete per trovare nuove storie, nuovi punti di vista ed essere in grado da subito di proporre il tuo lavoro in termini costruttivi e di venderlo agli editori. Oltre a questo, potrai aggiungere un nuovo strumento nella cassetta degli attrezzi del giornalista, il metodo costruttivo, che sarà una nuova competenza nella tua carriera. Sarai in grado di lavorare facendo quel giornalismo nel quale credi, guadagnando da esso.
PRENOTA QUI!
Clicca sul bottone sottostante per riservare il tuo posto e pagare direttamente via PayPal. I posti sono limitati a 12 persone, per cui prenota subito per assicurarti un posto.
IL CORSO E’ IN LINGUA INGLESE